Crea sito

#ioleggo

“33 trentatré” libro di Vera Vasta prefazione a cura della scrittrice Katiuscia Girolametti.

Trovate il video e tutte le info per acquistarlo cliccando questo link ——> Igtv

Un antico proverbio cinese consiglia “Nella vita bisogna fare tre cose: procreare un figlio, scrivere un libro, piantare un albero.”
Vera, io l’ho sempre chiamata così, un giorno mi confidò di aver scritto un libro, non la sua storia, quella di Nina.
Vera è una donna barocca che ricorda lontanamente le poesie di Marino, ricca di particolari non nascosti, concreta e irrazionale. Mi domandai da subito chi fosse questa Nina per spingere Vera a scrivere su di lei e senza pensarci molto mi trovai intrappolata nelle pagine della sua altalenante vita.
Parte con una semplice domanda e di colpo ho la sensazione di due occhi ebano fissi nei miei, un testo che nulla lascia alla descrizione, ipnotico, senza poesia narrativa in cui si evince tutta la sicilianita’ della scrittrice; colorato, drammatico, una corsa di parole avanzano razionali, forti, una storia che mi spinge a non lasciare nemmeno una virgola. Gli occhi si muovono svelti per fotografare ogni piccolo particolare; nulla è lì per caso. Una penna che calca il viaggio tra i pensieri più profondi “Ti ricordi Nina?” un solco nella mente si rende boccascena di scelte difficili: amori, soldi, famiglia; inizia la trattativa con Dio per pagare il riscatto verso la libertà. C’è solo un modo per essere liberi, quello di rimanere se stessi e Nina lo sa.

La rana sorda Come le parole influenzano il nostro cammino La rana sorda. C’era una volta una gara fra ranocchi il cui obiettivo era arrivare in cima a una gran torre. Richiamata dall’ insolito spettacolo, si radunò molta gente per vedere e fare il tifo. Cominciò la gara, ma in realtà, la gente probabilmente non […]

Contina a Leggere

Lessi per la prima volta questo libro nel 2015, poi di nuovo, poi ancora… A distanza di un mese credo di averlo letto almeno dieci volte, ero io o forse un’illusoria proiezione di quella che sarebbe stata la mia vita o semplicemente quello che io volevo, sarebbe stato il futuro o chissà. Però dire oggi […]

Contina a Leggere

La mia voce arriva alle stelle di Hugo Horiot   Un testo consigliato in quanto qui gioco in casa, parliamo di autismo, questo mondo meraviglioso di Hugo Horiot, “la mia voce arriva alle stelle”. Purtroppo nella traduzione perde la narrativa poetica. Julien il suo vero nome ha 32 anni, attore e regista teatrale affermato, racconta […]

Contina a Leggere

Reb Kringle e For the Relief of Unbearable Urges di Nathan Englander   “Perché gli ebrei hanno tutti un naso così enorme? Perché l’aria è gratis!”(Moni Ovadia, Yiddish Mamele). Nathan Englander in edicola con L’Espresso due short storie ” reb kringle” e “for the relief of unbearable urges”. Parliamo di una lettura durata il tempo di […]

Contina a Leggere

Sirene di Simona Lazzaro È finito! Finisce così la storia di Eva e Susanna, non c’è altro che voglio sapere ha già detto tutto l’autrice, niente sospesi, niente domande, nessun dubbio. Ci teneva ad accompagnare i personaggi fino al termine, senza lasciare quel filo di tristezza che mi prende arrivata all’ultima pagina. Lazzaro ci presenta […]

Contina a Leggere

“la simmetria dei desideri” di Eshokol Nevo.   Un testo semplice, senza troppe pretese, molto originale l’incipit che vede coinvolto uno dei protagonisti, ambientato in Israele è la storia di un’amicizia sincera tra quattro ragazzi trentenni e una donna: Yaara, “non esiste una ragazza bella, intelligente, arrapata e anche libera. Uno degli elementi è sempre […]

Contina a Leggere