Crea sito

“33 trentatré” libro di Vera Vasta prefazione a cura della scrittrice Katiuscia Girolametti.

Trovate il video e tutte le info per acquistarlo cliccando questo link ——> Igtv

Un antico proverbio cinese consiglia “Nella vita bisogna fare tre cose: procreare un figlio, scrivere un libro, piantare un albero.”
Vera, io l’ho sempre chiamata così, un giorno mi confidò di aver scritto un libro, non la sua storia, quella di Nina.
Vera è una donna barocca che ricorda lontanamente le poesie di Marino, ricca di particolari non nascosti, concreta e irrazionale. Mi domandai da subito chi fosse questa Nina per spingere Vera a scrivere su di lei e senza pensarci molto mi trovai intrappolata nelle pagine della sua altalenante vita.
Parte con una semplice domanda e di colpo ho la sensazione di due occhi ebano fissi nei miei, un testo che nulla lascia alla descrizione, ipnotico, senza poesia narrativa in cui si evince tutta la sicilianita’ della scrittrice; colorato, drammatico, una corsa di parole avanzano razionali, forti, una storia che mi spinge a non lasciare nemmeno una virgola. Gli occhi si muovono svelti per fotografare ogni piccolo particolare; nulla è lì per caso. Una penna che calca il viaggio tra i pensieri più profondi “Ti ricordi Nina?” un solco nella mente si rende boccascena di scelte difficili: amori, soldi, famiglia; inizia la trattativa con Dio per pagare il riscatto verso la libertà. C’è solo un modo per essere liberi, quello di rimanere se stessi e Nina lo sa.

Che sia la quinta l’anno del riscatto? Riscatto da cosa? Da chi? Starà forse diventano uno stupido mantra… Leggo finalmente post di mamme in cui si parla dell’importanza della socialità dei propri bambini, stare insieme, condividere, giocare; mamme che inneggiano il diritto dei propri figli ad essere felici ma soprattutto il dovere degli adulti nel […]

Contina a Leggere

I limiti sono congetture mentali. 23 agosto un caldo umido da restare appiccicati come mosche in una ragnatela, strade deserte e quella strana voglia di vivere un’estate tutta la vita. Nella mail di prenotazione ci avevano consigliato abiti lunghi, ovviamente comodi, scarpe chiuse, percorso all’ombra, ma soprattutto la garanzia di accessibilità per sedia a rotelle […]

Contina a Leggere

E se avessi io una crisi? Una crisi nella crisi. Scrivo a Paola: – Daniele fa le puzze mentre registro gli audio su Whatsapp! In realtà le volevo dire che oggi faceva schifosamente caldo e il centro commerciale sembrava la risposta più adattamente autistica che si poteva proporre il 16 di agosto; le strade vuote […]

Contina a Leggere

Era il 13 febbraio 2020 il giorno prima della festa degli innamorati, mi piace pensare che Dio non era più nella pelle, tipo un bambino che zompetta con questo regalo in mano e, così ti ha voluto far nascere, come dire “Voglio vedere mentre ti innamori” perché di te avevo calcolato tutto tranne il fatto […]

Contina a Leggere

Ciao Daniele ti scrivo una lettera perché oggi ho ritrovato questa tua foto, ti scrivo una lettera perché tu possa rileggerla magari un giorno, ti scrivo una lettera perché non devi mai dimenticare la forza con la quale affronti la vita tu mio esempio tu mio cuore tu mio tutto. Ti ricordi quando il carnevale […]

Contina a Leggere

Per andare incontro a tutti i miei lettori vista l’emergenza sanitaria Mondiale voglio contribuire con un piccolo gesto. Da oggi potete acquistare N°5 non è né un profumo né un mambo inviando un semplice messaggino su Whatsapp!! ✔ riceverai una dedica personalizzata ✔ non paghi la spedizione ✔ un segnalibro in omaggio Cosa aspetti? Acquista […]

Contina a Leggere

La dream life onlus conferisce il premio: autore emergente 2020 tra qualche giorno la video intervista.

Contina a Leggere

Amori diversi, unici, malati, raccontati e descritti da due donne dall’animo sensibile e dalla penna delicata.
Le due autrici ci hanno regalato delle poesie che sono messaggi di dolore, sofferenza ma anche di speranza, perché si può continuare e tornare ad amare di nuovo.

Contina a Leggere

Uccide il figlio disabile gravemente malato di 13 anni versando vodka nel suo tubo di alimentazione: «Volevo farlo dormire»” “Catania, mamma tenta di uccidere figlio di 20 anni tetraplegico ma il pronto intervento della badante del ragazzo che ha allertato i carabinieri ha salvato il giovane disabile.” “Mandras, in provincia di Cagliari, si è chiusa nella sua stanza […]

Contina a Leggere