Un nuovo anno

“Il Signore non è magico, non promette dei cambiamenti eclatanti quando finisce un anno e ne comincia un altro. Lui ama cambiare la realtà dall’interno delle nostre anime, entrando nella nostra vita con delicatezza, come la pioggia nella terra, per poi portare i frutti”

Papa Francesco

Volevo dirle che nonostante la pioggia e il freddo di questi giorni ho una rosa che sta per sbocciare sul terrazzo, invece siamo finite parlare di tutt’altro e questi nuovi propositi sembrano così grandi che faccio fatica a vederli nella mia testa, poi nelle foto di questo venti ventuno ho capito che si sono aperte più strade, una per ognuno di noi; ho dovuto lasciare Daniele al mondo dei grandi, le sue uscite, i compagni, Whatsapp. Avete presente quando un bambino muove i suoi primi passi che la mamma apre le braccia dietro di lui? Lo lascia andare ma con gli avambracci tesi perché sa che sono i primi passi, i primi passi che lo allontanano e lo vedono crescere, cadere, andare avanti. La paura e la felicità insieme, la libertà, l’autonomia e tutto quello che abbiamo costruito con tanta fatica inizia a dare frutti e guardo questa rosa che sboccia a Capodanno che non ha timore di nascere, nonostante il freddo, nonostante la pioggia; Daniele è la mia rosa impavida fuori stagione e tutto gli serve nella vita, anche le spine.
Auguro a ognuno di voi un anno in cui possiate sbocciare ed essere felici. Buon anno che verrà… 💙

#lanormalitàèsopravvalutata

Pubblicato da Katiuscia Girolametti

Rianimo le parole uccise dalle bocche cucite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.